Parliamo oggi di un tema di grande interesse per tutti coloro che intendono investire nell’advertising sul web, e che merita un approfondimento accurato: i costi pubblicità Google.
In questo articolo, la digital agency SUNET ti rivelerà tutto quello che c’è da sapere sui costi per fare pubblicità su Google, aiutandoti a comprendere al meglio il loro funzionamento e come ottimizzare la spesa per i tuoi annunci pubblicitari sul principale motore di ricerca del web.

Sommario

costi pubblicità google

Quali sono i costi della pubblicità su Google?

Iniziamo col dire che non esiste un prezzo “fisso” per farsi pubblicità su Google.
Il budget è infatti a totale discrezione dell’inserzionista, e può quindi variare da cifre minime ad importi decisamente più rilevanti. E’ chiaro che ad un investimento maggiore corrisponderanno una visibilità ed una presenza sul web superiori, anche se questo aspetto è estremamente ottimizzabile, soprattutto rivolgendosi ad un’agenzia digitale esperta capace di far fruttare al meglio l’investimento. Magari aiutandovi ad individuare e quindi ad utilizzare all’interno degli annunci parole chiave con meno competizione, ma altrettanto utili al raggiungimento dei vostri obiettivi di business. Andiamo a vedere nel dettaglio.

I vantaggi di fare pubblicità su Google?

Utilizzando i canali “tradizionali” come giornali e televisione viene solitamente speso un budget piuttosto oneroso per l’inserimento di un annuncio pubblicitario su riviste e quotidiani, o per far andare in onda in tv uno spot. Tutto questo senza la garanzia che arrivi ad “intercettare” persone realmente interessate.
Attraverso Google possiamo invece pubblicare annunci a prezzi decisamente più accessibili indirizzandoli ad un preciso target di riferimento, tenendo oltretutto costantemente sotto controllo le spese e non sforando mai il budget che abbiamo deciso di investire. L’unico limite alla pubblicazione dei nostri annunci su Google ADS è quindi solamente la somma che siamo disposti a spendere. Zero rischi, zero brutte sorprese. Il costo pubblicitario deve comunque essere sempre pianificato e bisogna cercare di capire quale sia il max costo contatto o il costo vendita che possiamo avere per rientrare nei costi del proprio business in promozione.

Il Sistema “Pay Per Click” di Google Ads

Google Ads si fonda su un accurato sistema di gestione aste chiamato “Pay per Click”. Di fatto, stabilisce che si pagherà un determinato prezzo solamente quando un utente farà click sul nostro annuncio. Ciò significa che, finché non riceveremo click sulla nostra inserzione, non pagheremo nulla e quindi non avremo alcun costo.
Tutto questo si traduce in una buona visibilità del nostro marchio o brand, che verrà comunque visualizzato da un’ampia serie di utenti i quali, pur non facendo click, verranno comunque “intercettati” dai nostri annunci. E potrebbero quindi, in futuro, fare click, vedendoli comparire così spesso.

Costi della Pubblicità Google – Altri dettagli

I costi della pubblicità Google sono strettamente dipendenti da alcuni fattori fondamentali, ovvero:

  • Concorrenza per la parola chiave scelta.
  • Costo massimo che si è disposti spendere per ogni singolo click sull’annuncio.
  • Punteggio di qualità del nostro annuncio pubblicitario.

Il costo per farsi pubblicità su Google, dunque, non è mai un elemento predeterminato o fisso, ma cambia in base a tutti questi fattori. Di sicuro, la concorrenza su ogni specifica parola chiave, e nel settore di riferimento in generale, è il parametro che influisce maggiormente.
Immaginiamo di essere gli unici a voler pubblicare un annuncio legato ad una specifica parola chiave: in una situazione del genere, il costo per click che ci troveremmo a pagare sarebbe estremamente basso, parliamo di centesimi di euro. Allo stesso modo, trovando tanti concorrenti che intendono fare pubblicità attraverso la nostra medesima parola chiave, il costo per click sarà inevitabilmente più alto. Tutto questo porterà ad un esaurimento del budget più rapido, e ad una minore pubblicazione del nostro annuncio, che sarà “scalzato” dagli altri.
Ecco perché è fondamentale differenziare, monitorare costantemente e scegliere le parole chiave più adatte al nostro business.

Essere primi per parola chiave e quindi su Google

Quando un utente inserisce su Google una determinata parola, detta anche chiave di ricerca, la piattaforma analizza tutti gli inserzionisti che stanno pubblicando il loro annuncio per quella specifica parola chiave.
Viene quindi effettuata, sulla base del punteggio di qualità attribuito da Google ai singoli annunci, una prima selezione e valutazione delle varie inserzioni. Successivamente, tenendo conto di tutti i fattori di pubblicazione di cui vi abbiamo parlato in precedenza, si determina l’ordine dei singoli annunci. e, di fatto, chi sarà primo su Google.

Funzionamento “aste” su Google

Google ci lascia determinare il costo massimo che siamo disposti a spendere per ogni singolo click, quindi si occupa autonomamente di affrontare per noi l’asta.
Dopo aver analizzato gli annunci che avranno superato il primo step, Google definirà il criterio di pubblicazione in base a chi può spendere maggiormente. Insomma, a parità di qualità, chi spende di più sarà pubblicato prima degli altri, in una posizione quindi superiore nei risultati di ricerca di Google.


Ecco un esempio pratico, per essere più chiari:

  • Roberto offre 0,40 €
  • Maurizio offre 0,41 €
  • Antonella offre 0,60 €

Analizzati gli importi massimi di spesa fissati, gli annunci saranno pubblicati in quest’ordine:

  1. Antonella
  2. Maurizio
  3. Roberto

Attenzione però: gli inserzionisti pagheranno solamente la somma minima necessaria per essere pubblicati sopra l’annuncio successivo (o precedente, per chi offre la somma maggiore) al proprio. Nell’esempio che vi abbiamo appena proposto, quindi, Roberto, Antonella e Maurizio spenderanno di fatto le seguenti cifre:

  • Antonella 0,42 €
  • Maurizio 0,41 €
  • Roberto 0,42 €

Definito il criterio di pubblicazione in base alla loro disponibilità di spesa, solamente se ci sarà un click sull’annuncio gli inserzionisti avranno un costo effettivo, vedendosi addebitare da Google la somma definita durante l’asta.

Conclusioni sui Costi pubblicità Google

In conclusione, ribadiamo che non esiste un costo “fisso” per un click su un annuncio Google ADS.
Google però ci aiuta suggerendoci sempre un prezzo medio indicativo per la pubblicazione della nostra inserzione all’interno della prima pagina, oppure per la prima posizione assoluta. Chiaramente, questo importo varia a seconda di ogni singola parola chiave per la quale si va a competere.

Sulla base di tutte la informazioni che vi abbiamo dato, adesso avrete certamente un’idea più chiara dei costi pubblicità Google. Potete quindi provare autonomamente a creare e gestire al meglio le vostre inserzioni, oppure rivolgervi a dei professionisti del settore come un consulente Google Ads certificato, che sapranno ottimizzare il vostro budget e garantirvi un ottimo ritorno dell’investimento.

SUNET è una digital agency con sede a Roma premiata tra le 40 agenzie Top nel programma Google Elevator e Google Partner certificata, con esperienza ventennale sul web e ben 7 certificazioni Google.

Sei stai cercando un partner per far decollare il tuo business online, scegli l’esperienza e l’affidabilità di Sunet!

Pianifica con noi la tua strategia personalizzata, e raggiungi tutti i tuoi obiettivi di business.

Contattaci e chiedici un preventivo gratuito o un appuntamento.